Scaldaletto e frequenza di utilizzo: quali sono i criteri da considerare?

Lo scaldaletto è un dispositivo che rende le nostre notti più confortevoli e piacevoli, grazie all’irradiazione del calore dal materasso, sopra il quale è posizionato, al nostro corpo. La sua azione favorisce il rilassamento e il sonno, distende i muscoli e allenta la tensione. Gli scaldaletto diffusi in commercio risultano totalmente sicuri in termini di rischio di incidenti domestici. Tuttavia, è necessario porre la massima attenzione sull’uso che facciamo di questo dispositivo. Infatti, una serie di comportamenti errati potrebbero metterci in una situazione di pericolo, nonostante la sicurezza garantita dal prodotto. In questo articolo, quindi, dopo aver compreso il funzionamento di questo apparecchio scopriremo quali sono le attenzioni e i corretti comportamenti che dobbiamo mettere in pratica nel corretto utilizzo dello scaldaletto.

Specifiche tecniche

Lo scaldaletto è composto da numerosi strati, all’interno dei quali sono situati dei cavi elettrici che si riscaldano, propagando il calore. Per far funzionare questo dispositivo basterà semplicemente collegarlo ad una presa elettrica, inserendo l’apposito spinotto. Solitamente, questi prodotti hanno una potenza compresa tra i 50 e i 150 watt. Quali sono le migliori caratteristiche che questi prodotti dovrebbero possedere per garantire il massimo dell’efficacia e della comodità di utilizzo?

  • Tipologia adatta al proprio letto: le dimensioni dello scaldaletto suono diverse, a seconda dei diversi modelli di letto. Avremo quindi un apparecchio per letto singolo, matrimoniale o a una piazza e mezzo. In fase di acquisto verifica di aver scelto la tipologia adatta a ricoprire il tuo giaciglio. Inoltre, assicurati anche di optare per i dispositivi indicati per il materiale del tuo materasso, ad esempio memory foam o lattice.
  • Timer: questo particolare sistema di spegnimento automatico consente di stoppare l’azione riscaldante del termostato posizionato all’interno dello scaldaletto in maniera del tutto automatizzata. Questo renderà il tuo dispositivo estremamente sicuro, anche nel caso in cui ti addormenti dimenticando di averlo lasciato acceso.
  • Comandi staccabili: ogni scaldaletto dispone di un telecomando che può determinare l’intensità del calore irradiato, e altre funzionalità specifiche. Acquistando un prodotto con comandi staccabili, sarà molto più facile pulire il dispositivo. In tal caso, infatti, potrai comodamente lavarlo in lavatrice, senza rischiare di danneggiarlo.
  • Lunghezza del cavo di alimentazione: a seconda della disposizione delle prese nella tua camera da letto, verifica la lunghezza del filo elettrico. Nel caso tu abbia una presa accanto al comodino, non dovrebbero esserci problemi. Se, invece, le prese sono più lontane, acquista uno scaldaletto con fili più lunghi per evitare di ricorrere alle prolunghe.
  • Prodotto impermeabile: se soffri di incontinenza o dormi con gli animali, assicurati che lo scaldaletto sia idrorepellente. In caso contrario, potrebbe essere sottoposto a danneggiamento e usura.

Sicurezza e protezione

Analizziamo ora nello specifico quali sono le proprietà che questi strumenti devono possedere per essere considerati assolutamente sicuri e privi di rischi.

  • In fase di acquisto, è indispensabile assicurarsi che il prodotto scelto disponga della certificazione di protezione in seconda classe e del marchio CE. Questo dimostra che il dispositivo rispetta le norme e gli standard imposti dalla comunità europea. Inoltre, è preferibile scegliere modelli che possiedono certificazioni di enti terzi, come IMQ, GS, TUV.
  • Si consiglia di optare per apparecchi che offrono la massima sicurezza elettrica, disponendo di sistemi di blocco nel caso in cui si verifichino guasti o sovraccarichi.
  • Acquista prodotti più recenti, che sono realizzati con sistemi di controllo che garantiscono lo spegnimento automatico del dispositivo in caso di cortocircuito. Questo riduce il rischio di incendio. Al contrario, gli scaldaletto antecedenti al 2011 potrebbero non disporre di questi accorgimenti e il loro utilizzo potrebbe risultare più rischioso.

Frequenza di utilizzo

Oltre alle caratteristiche intrinseche lo scaldaletto dovrebbe possedere per essere considerato sicuro, ci sono una serie di comportamenti e precauzioni che dovremmo mettere in atto per tutelare la nostra salute e proteggerci da eventuali rischi. Vediamoli insieme.

  • Uso limitato del dispositivo: la raccomandazione primaria consiste nell’utilizzare questo strumento esclusivamente per scaldare il letto prima di mettersi sotto le coperte. Lo scaldaletto dovrebbe rimanere acceso circa 15 minuti e poi essere spento una volta che decidiamo di metterci a letto. Questo ci garantirà di trovare un ambiente riscaldato e sicuro allo stesso tempo.
  • Utilizzo a lungo termine: ci sono delle controindicazioni o dei rischi che corriamo nell’uso prolungato nel tempo di questo apparecchio? Alcuni di questi sono la comparsa di allergie e il contatto prolungato con polveri e acari. Infatti, questo strumento, per via dei cavi elettrici presenti al suo interno, non può essere lavato di frequente e può comportare l’accumulo di elementi dannosi per il nostro organismo. Inoltre, un ulteriore pericolo è rappresentato dall’esposizione ai campi elettromagnetici a bassa frequenza. Per ridurre tale rischio, si consiglia di spegnere lo scaldaletto prima di andare a dormire, staccando la spina. Una volta interrotto il suo funzionamento, l’apparecchio non potrà più emettere radiazioni. Tuttavia, non esistono evidenze scientifiche di questo pericolo.

Precauzioni

Vediamo dunque una lista di precauzioni che possiamo adottare nell’uso dello scaldaletto, che possono aumentare la nostra sicurezza e tranquillità.

  • Seguire le istruzioni di utilizzo e manutenzione del dispositivo: è assolutamente sconsigliato l’uso dell’apparecchio per scopi e funzioni per cui non è stato realizzato. Ad esempio, è opportuno non utilizzare lo scaldaletto come termocoperta.
  • Stendere bene il prodotto: nell’atto di sistemare lo scaldaletto sul materasso, è fondamentale assicurarsi che non ci siano pieghe o accumuli di tessuto.
  • Non usare con lenzuola umide: questo prodotto non è stato concepito per riscaldare o asciugare la biancheria del letto.
  • Verifica il funzionamento del prodotto: quando arriva la stagione fredda e decidi di ricorrere a questo dispositivo, prima di utilizzarlo verifica che funzioni adeguatamente. Allo stesso modo, con l’arrivo della primavera, prima di riporre lo strumento assicurati del suo corretto funzionamento.
  • Non usare la centrifuga: se decidi di lavare lo scaldaletto in lavatrice, seguendo le istruzioni di manutenzione valide per l’apposito modello, usa la modalità delicata, ad un massimo di 40 gradi e senza impostare la centrifuga.
  • Persone con pacemaker: i portatori di pacemaker non possono utilizzare questo dispositivo acceso quando sono a letto. Lo scaldaletto può essere usato con la funzione di preriscaldare il giaciglio, ma deve essere spento una volta che si decide di coricarsi. Inoltre, prima dell’uso di questo strumento è opportuno chiedere consiglio al medico.

Classe 1994, laureata in lingue, amante della scrittura.

Amo l’elettronica: mi piace scoprire come sono fatte le cose. La scrittura è la mia passione. Il mio obiettivo è quelli di offrire ai lettori informazioni esaurienti e precise, espresse in maniera semplice e piacevole.

Back to top
Apri Menu
sceltascaldaletto.it